Caso Pfas: verso l’unificazione delle inchieste

E’ stata aggiornata al prossimo 30 novembre l’udienza preliminare in corso a Vicenza sul caso Pfas. Questo alla luce della richiesta della Procura di riunire i due procedimenti aperti sulla vicenda: quello per i reati fino al 2013 e quello, successivo, per i reati ambientali (oltre a Pfas ci sono GenX e C6o4) dal 2013 al 2017. Sulla richiesta, non sono mancate le eccezioni sollevate dalle difese.

 Il procedimento penale, che ha avuto enorme eco mediatica, è quello relativo alle sostanze che avrebbero avvelenato l’acqua di una delle falde idriche più grandi d’Europa nelle province di Vicenza, Verona e Padova, provenienti da una azienda di Trissino. Procedimento penale che coinvolge 13 imputati e l’azienda Miteni.

Un caso che ha avuto, appunto, rilevanza nazionale e per il quale l’udienza preliminare è in corso in Tribunale a Vicenza, con richiesta di unificazione col successivo filone. Nel primo, le accuse ipotizzate sono pesanti: disastro e avvelenamento delle acque. Quest’ultima fattispecie prevede, in caso di rinvio a giudizio, la competenza della Corte d’Assise. E’ uno dei processi di maggiore importanza a livello nazionale attualmente in corso. Secondo la tesi accusatoria, residui di lavorazione dell’azienda sarebbero filtrati sino a portare all’avvelenamento della falda acquifera.

Numerose le parti civili costituitesi e ammesse, nel corso dell’udienza dello scorso 20 gennaio: in primo luogo 95 persone offese, sia le Mamme No Pfas, in rappresentanza dei figli, sia altri genitori che, pur non facendo parte dell’associazione, sono comunque preoccupati per i figli minori, per quelli che potrebbero essere su di loro gli effetti a lungo termine di questi inquinanti penetrati nella rete idrica: tutte persone residenti nella “zona rossa” di maggiore contaminazione che si sono sottoposte allo screening con esiti di contaminazione del sangue ai Pfas. A rappresentarli gli avvocati Cristina Guasti e Matteo Ceruti, di Rovigo, e Marco Casellato di Adria.

Una decisione, quella di procedere verso la riunificazione, che ha incassato l’assenso anche dell’associazione ambientalista Legambiente.

Un’impostazione che condividiamo e che ci soddisfa per il metodo adottato dai PMcommenta Luigi Lazzaro presidente di Legambiente Veneto –  perché solo allargando lo sguardo sull’insieme dei reati, ante e post 2013, si potrà dimostrare la gravità dell’inquinamento contestato agli imputati. Dato che ci troviamo di fronte ad un ‘disastro ambientale’ riteniamo sia necessario contestare in modo più incisivo i reati ambientali applicando  la Legge 68 del 2015 sugli Ecoreati per dare risposte concrete ad un danno ambientale che ad oggi non ha precedenti nella storia del nostro Paese”.

Condividi sui social